LA PIAZZA D'ARMI

prima della demolizione dei Magazzini

                            

Le prime notizie di un insediamento agricolo in quest'area risalgono al 1346. Vi era situata la Cascina Moretta, circondata da campi coltivati. La vocazione agricola fu modificata agli inizi del '900 quando sul terreno venne costruito il primo aerodromo di Milano dedicato a Remo La Valle, comandante di dirigibili, e furono costruite le officine Leonardo da Vinci, fondate da Enrico Forlanini. Alla fine degli anni '20, la Piazza d'Armi di Milano, originariamente situata nella zona della Fiera Campionaria, venne trasferita a Baggio; la caserma e l'Ospedale Militare vennero realizzati agli inizi degli anni '30. La caserma Santa Barbara di Piazzale Perrucchetti e la Piazza d'Armi rappresentano oggi uno dei più vasti complessi militari esistenti in Italia, all'interno di una città.                                             

Fino agli anni '80 la Piazza d'Armi, costituita da circa 42 ettari di suolo, veniva utilizzata per l’addestramento dei reparti e per la scuola guida di mezzi cingolati. Molti residenti della zona ricordano ancora sia i carri armati che scivolavano sulle montagnole di terra, sia i giovani di leva appostati dietro i sacchi di sabbia. Ma ricordano anche le greggi di pecore che vi pascolarono per molto tempo, in una strana osmosi con la destinazione militare del complesso.

Attualmente, dal punto di vista proprietario, la Piazza d'Armi è  un'area di proprietà del MEF, Ministero di Economia e Finanza. Nel 2015 la SGR INVIMIT acquisisce la PdA all'interno del cosiddetto fondo 8 quater, con il  proposito di venderla.

Vedi poi gli item:

COSA PREVEDE IL PGT SULLA PIAZZA D'ARMI

MONITO DELLA UE E VINCOLO MIBACT

Per un approfondimento della storia fino al '900 si veda la relazione del dott. Ubenti, qui sotto

RELAZIONE STORICA SULLA PIAZZA D'ARMI

Download
Relazione storica Piazza Armi2_ultima_co
Documento Adobe Acrobat 1.4 MB

Passeggiando in Piazza d'Armi